LE IDI DI MARZO

ph. Ensemble Strumentale Scaligero
Roma, imbrunire di un destino .
Il magnifico destriero fidato compagno di Giulio Cesare era irrequieto, rifiutandosi di abbeverarsi nelle acque del fiume.
Nefasto presagio: “Guardati Divino dalle Idi di Marzo”, gli fu intimato dall’ indovino sul luogo immantinente accorso .
Ma lo stratega sprezzante distoglieva lo sguardo assente.
Nel frattempo una fiera compagine di pretoriani di orecchio assoluto dotato,  nel Senato faceva il proprio ingresso con passo risoluto .
Ottemperando ad un preciso disegno occulto, ognuno di essi non impugnava che il proprio musicale  strumento .
Nel lampo di un istante un affilato fendente attentò alla vita del Dux impotente .
Ma con fiero cipiglio i musici con onde sonore potenti, mutarono il cursus degli eventi, armoniosamente annullando  di Bruto ed i congiurati i colpi inferti…
Credits
Road Manager Ing. Milo
Leave a comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: